| Home |

filmaker

Tiberi e l'Arriflex

 



 sul set di Noi eravamo:la troupe

Cronologicamente:

1966- Quarta dimensione (corto) sceneggiatura e regia
1968- Il Castello misterioso (corto) sceneggiatura e regia
1970- Quell'uomo che venne dal mare (corto) sceneggiatura e regia
1971- Sardegna Magica (reportage) regia
1972- Le Ville del Lazio (doc.) regia
1973- Janky (corto) regia
1974- Una serata in balera (reportage) regia
1974- Calcio di periferia (reportage) regia
1975- La casa vuota (corto) sceneggiatura e regia
1980- I signorini della notte (doc.) regia
1982- Notte magica (reportage) regia
1986- Costantino cronaca di un restauro (doc.) regia
1987- Cinema e colore (doc.) testi e regia
1989- Uomini e armi (doc.) testi e regia
1992- La Mille Miglia (doc.) testi e regia
1995- La Roma di Mussolini (doc.) testi e regia
1997- Spagna 1936 (doc.) testi e regia
1999- Gloria, la Grande Guerra (doc.) regia
2000- Le ali del novecento (doc.) testi e regia
2001- Codice Husky (doc.) testi e regia
2002- Etiopia, la conquista dell'Impero (doc.) testi e regia
2002- E42 EUR (doc.) regia
2003-2004- La guerra degli Italiani 25 documentari da 30' - regia
2004- Il Monolite (doc.) regia
2005- La Russia dai Romanov a Stalin (doc.) testi e regia
2005- Gli Atlantici (dc.) testi e regia
2006- La rivoluzione ungherese (doc.) testi e regia
2007- Il viaggio del Fuhrer in Italia (doc.) regia
2007- Dalla triremi alle portaerei (doc.) testi e regia
2007- Regia nave Roma (doc.) testi e regia
2008- La citta' garbata (doc.) regia
2008- Piloti (doc.) testi e regia
2009- Giotto (doc.) testi e regia
2009- Il Futurismo (doc.) regia
2010- Banche in Luce (doc.) co-sceneggiatura e regia su commissione dell'ABI
2010- Sul filo di lana (doc.) testi e regia realizzato su commissione del CONI
2011- Amore e furore (doc.) testi e edizione
2012- Marocco (doc.) regia
2012- L'era dei transatlantici (doc.) testi e regia
2012-2017- Il tuo anno: 1946-1976 31 documentari da 30' su commissione Rai 01 - testi e regia
2014- Fango e Gloria (lungometraggio) co-sceneggiatura e regia
2016- Noi eravamo (lungometraggio) co-sceneggiatura e regia

<
LUNGOMETRAGGI

Noi eravamo
noi eravamoSecondo film della trilogia che sara'  completata entro il 2018 per le celebrazioni dei 100 anni della I Guerra Mondiale. Ancora una volta fiction e repertorio colorizzato insieme. Nel cast Alessandro Tersigni, Yari Gugliucci, Davide Giordano, Beatrice Arnera, Eliana Miglio, con la partecipazione di Emanuela Grimalda e Roberto Citran.

 

Fango e Gloria
fango e gloriaFilm realizzato in occasione dei 100 anni della I Guerra Mondiale e dei 90 anni dell'Archivio Storico dell'Istituto Luce. Fiction e repertorio colorizzato insieme, per la prima volta in Italia. Nel cast Eugenio Franceschini, Valentina Corti, Domenico Fortunato, Francesco Martino e Alberto Lo Porto.

www.fangoegloria.com

DOCUMENTARI

Costantino, cronaca di un restauro
janckyArchi, colonne, capitelli, monumenti, palazzi, ponti, chiese, fontane: Roma puo' essere a buon diritto chiamata la citta' di marmo. Questa e' la storia di uno dei suoi piu' straordinari monumenti di pietra, l'Arco di Costantino, e del lungo e accurato restauro di cui fu oggetto nel 1988.

millemigliaLa Mille Miglia
Il 26 marzo del 1927 a Brescia prende il via una 'meravigliosa follia': nasce la Mille Miglia: uomini e motori nella corsa piu' 'bella del mondo'. Una gara che attraversa mezza Italia con un percorso di 1600 chilometri, portando con se', oltre al rombo dei motori e all'odore acre dell'olio di ricino, l'idea di una leggenda.

Uomini e armi
uomini e armiIl documentario esamina con accuratezza e precisione storica vestiario, equipaggiamenti e armi con i quali i soldati italiani combatterono la Prima Guerra Mondiale.

Breve storia della pellicola a colori
storia pellicola a coloriPochi sanno che i primi esperimenti di pellicole a colori risalgono agli anni venti e che nel 1935 in America e nel 1936 in Germania, quindi prima che a Hollywood si girasse Via col Vento, uscivano le prime pellicole 'monopack' per realizzare diapositive a colori e girare film a passo ridotto in 16 e 8 millimetri.

Codice Husky
codice Husky'Husky' fu il nome in codice usato dall'esercito anglo-americano nel corso della seconda guerra mondiale, per identificare nelle comunicazioni segrete lo sbarco in Sicilia nel luglio del 1943.
Dopo una lunga ricerca negli archivi delle forze armate americane l'Istituto Luce e' entrato in possesso di una straordinaria e rarissima documentazione filmata, interamente a colori, spesso dovuta al lavoro di operatori non appartenenti ai servizi di propaganda. L'incredibile, spesso commovente, sempre interessante testimonianza, semplice e spontanea, di soldati che portavano nello zaino una cinepresa personale.

Le ville rinascimentali del Lazio
le ville rinascimentali del LazioUn programma realizzato per conto del CNR e dell'universita' La Sapienza di Roma. Il documentario offre una lettura dettagliata, sotto l'aspetto architettonico e paesaggistico, delle dimore piu' significative edificate nel Lazio tra il XV e il XVIII secolo.

Etiopia 1936, alla conquista dell'Impero
EtiopiaCon una grande adunata in piazza Venezia, il 2 ottobre del 1935 Mussolini annuncia l'inizio delle operazioni militari sull'altipiano etiopico. All'alba del giorno successivo le truppe italiane, giunte nei mesi precedenti nel corno d'Africa, attraversano il fiume Mareb, il confine tra Eritrea ed Etiopia e cominciano a marciare in territorio abissino puntando verso la capitale. Comincia cosi' la guerra d'Etiopia, destinata a concludersi otto mesi dopo, all'inizio del maggio 1936, con la presa di Addis Abeba e la proclamazione dell'Impero Italiano.

La guerra degli italiani
la guerra degli italianiDieci giugno 1940: Mussolini porta in guerra l'Italia a fianco della Germania, convinto che la conclusione del conflitto sia questione di settimane. E' invece l'inizio di una tragica avventura che si concludera' cinque anni dopo, tra le macerie e le ferite fisiche e morali. Questa opera, realizzata da Leonardo Tiberi assieme allo storico Piero Melograni, e' stata definita come il documento audiovisivo piu' completo ed esauriente mai realizzato su quel travagliato momento storico.

Spagna 1936
Spagna 1936La guerra civile spagnola, che lascia sul terreno quasi mezzo milione di morti, e' oggi considerata come il prologo, nel cuore d'Europa, della seconda guerra mondiale. Dietro le parti in lotta - i Repubblicani del governo legittimo, vincitori delle elezioni del febbraio '36, e i Nazionalisti insorti, guidati dal generale Francisco Franco - si schierano ben presto i futuri avversari del conflitto mondiale: da una parte l'Urss di Stalin e i volontari delle Brigate Internazionali; dall'altra le potenze dell'Asse, capeggiate da Hitler e Mussolini.

La Russia dai Romanov a Stalin
La RussiaLa Russia: piu' che una nazione, un continente. Ai primi del '900 i suoi confini si estendono dal cuore della Mitteleuropa, alle porte di Berlino, fino allo stretto di Bering, di fronte all'Alaska. Da sempre e' in mano a una monarchia che fa vivere i suoi 140 milioni di sudditi in una societa' di tipo feudale. Qui scocca la scintilla rivoluzionaria che dopo 17 anni fara' diventare quel territorio il primo stato comunista del mondo.

Gli Atlantici
Gii atlanticiIl 1 luglio del 1933 venticinque idovolanti presero il volo dall'idroscalo di Orbetello con destinazione New York. Era l'ora zero di un'impresa leggendaria che catalizzo' l'attenzione di tutti i media mondiali e che costitui', nel secolo scorso, il momento piu' alto per la tecnologia e per l'aeronautica italiane. Protagonisti dell'evento furono 'gli Atlantici', centoquindici uomini d'eccezione guidati dal Maresciallo Italo Balbo.

La Roma di Mussolini
Roma di MussoliniNel periodo compreso tra le due grandi guerre del secolo scorso l'architettura italiana del '900 e' stata percorsa da fermenti innovativi formidabili. Questo documentario, che ha per traccia il celebre saggio del 1935 con cui Antonio Munoz affronto' lo stesso argomento, e' un'analisi inedita di come vennero voluti e realizzati nel 'ventennio' gli interventi che determinarono la trasformazione architettonica e urbanistica piu' radicale subita dall'Urbe dopo secoli di completa stasi.

La rivoluzione ungherese ottobre 1956
rivoluzione unghereseIl 1956 fu l'anno del XX Congresso del PCUS, del 'rapporto segreto' di Kruscev e di tutto quello che ne segui' con le drammatiche crisi dell'autunno in Polonia ed in Ungheria.
In Ungheria, le manifestazioni popolari si trasformarono improvvisamente in scontri sanguinosi, placati solamente dall'intervento dei carri armati sovietici, che compirono un vero massacro. Tra gli insorti si contarono quasi 30.000 morti.

E42 EUR
E42L'ideazione e la genesi architettonica di quella che doveva essere la grande esposizione del '42. Nel film si assiste alla nascita del progetto, alla mobilitazione di artisti, di tecnici e maestranze, mentre le riprese aeree scoprono una parte della campagna romana che poco a poco si trasforma e mostra i segni delle prime opere. Ferve il lavoro di migliaia di operai, splendidamente fotografati, per i quali si costruisce un intero villaggio. Poi il sogno naufraga con il conflitto mondiale, i cantieri si spopolano e tutto viene abbandonato al degrado e alla sterpaglia. Ma con la ricostruzione le cineprese tornano su quel set fantastico, raccontano di una 'citta' bianca' che lentamente riprende a crescere e poi a vivere.

Il primo dopoguerra
il primo dopoguerraDurante l'estate del 1921 una commissione del governo seleziona nei cimiteri di guerra i resti di 11 combattenti non identificati e poi alla fine di ottobre e' una triestina, la madre di un soldato dichiarato disperso, a indicare il corpo che sara' tumulato nell'altare della Patria, a Roma e che sara' per gli italiani l'eroe senza nome che rappresentera' il loro milite ignoto.

Il viaggio del Fuhrer in Italia
il viaggio del Führer in italiaLa visita di Hitler in Italia offre l'insolita prospettiva e il raro privilegio di osservare alcuni processi storici fondamentali in pieno svolgimento. Permette di cogliere il contraddittorio avvicinamento fra l'Italia fascista e la Germania nazista, il progressivo rompersi degli equilibri europei, la crescente perplessita' dell'opinione pubblica italiana e gli umori interni al fascismo. Testi e consulenza storica di Piero Melograni.

Le ali del Novecento
ali del novecentoDal volo di Mario Calderara, il primo pilota italiano, allo straordinario Eurofighter, l'aereo europeo del terzo millennio, sono quasi cento gli anni che hanno visto uomini e macchine rendere famose le ali italiane in tutto il mondo. Questo e' il racconto avvincente di una storia che comincia una mattina brumosa del 1909 alla periferia di Roma, sul campo di Centocelle, e si snoda attraverso tutto il ventesimo secolo tra imprese, fallimenti, record e guerre.

Breve storia della nave militarenave militare
La storia della nave militare, dalla triera greca alle corazzate e alle portaerei della seconda guerra mondiale. In sintesi un percorso lungo piu' di tre millenni che ha accompagnato di pari passo la storia di tutti i popoli e di tutte le civilta' che hanno fatto la storia del mondo.

Regia nave Roma
regia nave romaLa tragedia della Nave Roma si consumo' alle 16,00 del 9 settembre 1943, poche ore dopo l'armistizio tra italiani e alleati.
Ci furono 1.393 vittime e la dinamica dell'affondamento non fu mai chiarita. Quel pomeriggio, con il suo carico umano di marinai e ufficiali, si inabisso' tragicamente nelle acque settentrionali della Sardegna la nave piu' moderna e prestigiosa della nostra regia marina, la Roma, costruita a Trieste, che nel progetto riuniva il meglio della cantieristica e dell'ingegneria italiana del tempo.

Il monolite
Il monoliteIl trasporto del 'monolite' destinato al Foro Mussolini fu un momento epico della costruzione e della trasformazione della citta' di Roma. Venne filmato con uno spiegamento di uomini e mezzi davvero imponente. Quattro troupe, dislocate lungo il percorso, precedettero e poi accompagnarono il mastodonte bianco nel suo viaggio dalla cava sulle Alpi Apuane fino alla meta finale. L'azione che ne risulta e' incalzante, inesorabile, mentre illustra l'allegoria della vittoria della volonta' e dell'intelligenza dell'uomo sulla materia. Lo spettatore percepisce sin dai primi momenti che nessun ostacolo, nessuna forza contraria potranno impedire a quella gigantesca massa di marmo di raggiungere Roma e l'erigenda Citta' dello Sport.

La citta' Garbata (in collaborazione con Mauro Conciatore)
La città GarbataTra la fine dell'800 e gli inizi del '900 c'e' stato un primo importante tentativo di dare alla Capitale una dimensione moderna e dinamica. Il sindaco di allora, Ernesto Nathan, sosteneva che Roma poteva e doveva caratterizzarsi anche come sede di industrie, per reggere il confronto con le altre grandi citta' europee. Il progetto definitivo prevedera' poi, oltre alle fabbriche, anche alloggi per gli operai, da costruire nella confinante zona chiamata poi 'la Garbatella'. Sara' un quartiere 'a misura d'uomo' (come si direbbe oggi,) unico in Italia, autosufficiente e per molte giovani coppie rappresentera' la sicurezza e la felicita'.

Piloti
PilotiCinque piloti, cinque ragazzi di tanti anni fa, accompagnano lo spettatore in un viaggio attraverso la storia della Royal Airforce nella 2a guerra mondiale, per fargli scoprire il loro mondo, gli aerei su cui volavano, farglieli conoscere e mettere a confronto, sia con quelli degli alleati germanici che con quelli avversari. Una carrellata emozionante di caccia, idrovolanti, bombardieri e di assi che hanno combattuto sotto cinque bandiere. I cinque raccontano l'addestramento, le azioni di combattimento e la vita che conducevano negli spazi angusti dei loro apparecchi, dove a ogni missione, evitare di essere colpiti e assicurarsi la sopravvivenza erano eventualita' legate ad un sottilissimo filo: alla propria capacita' e, soprattutto, all'esperienza o all'inesperienza di chi si trovavano di fronte.

Giotto
GiottoRealizzato per la grande mostra sul Maestro toscano allestita a Roma nel 2009 il filmato ripercorre le tappe salienti della vita dell'artista, presenta le sue opere maggiori e illustra le laboriose operazioni di restauro effettuate su un prezioso polittico.

Sul filo di lana: Roma e la sua Olimpiade
sul filo di lanaL'intero iter della preparazione dei giochi della XVII Olimpiade: dal ritorno da Parigi - cinque anni prima - dei delegati che recavano la documentazione ufficiale della scelta di Roma come sede della manifestazione, ai primi cantieri, alla messa a punto di quell' ineccepibile macchina organizzativa che stupi' il mondo e che nessuno si sarebbe mai aspettato di vedere realizzata nel Bel Paese. Un' efficiente organizzazione in grado di prevedere tutto, senza rinunciare al calore tradizionale dell'accoglienza italiana e alla morbidezza delle atmosfere romane.

Hitler e Stalin: la guerra dei dittatorihitler e stalin
[Edizione italiana del film Hitler und Stalin di Hulrich H. Kasten]

Hitler e Stalin non si incontrarono mai eppure furono sempre ossessionati l'uno dall'altro. Nel loro duello a distanza si rinnovo' ancora una volta il contrasto atavico fra il cuore dell'Europa Occidentale e l'immenso ed invincibile impero dell'Est.
Il film analizza i programmi e le paranoie dei due dittatori e tenta di far luce sugli eventi fatali che scossero la prima meta' del ventesimo secolo trasformandolo nel profondo e che, in parte, ancora oggi continuano a lasciare il loro segno.

L'Italia degli anni '60: il boom economicoboom
Tra la seconda meta' degli anni '50 e la prima degli anni '60 il tessuto socio-economico dell'italia viene attraversato da una trasformazione radicale. Finalmente il Paese puo' ridurre quel divario con le grandi nazioni europee che esisteva sin dai tempi dell'Unita', nel 1861. E' il momento storico che verra' ricordato (e rimpianto) col nome di Boom economico.

L'Italia degli anni '60: la creativita'creatività
In questo periodo l'Italia comincia ad imporsi sulla scena mondiale come leader nel campo della creativita', in particolare nei settori del design industriale e della moda.

L'Italia degli anni '60: la politicapolitica
Nel 1957 il leader del partito socialista dichiara per la prima volta di essere disponibile ad entrare in un governo assieme ai cattolici e alle forze popolari. Comincia un lungo percorso che si concludera' solo sei anni dopo, nel 1963, quando Aldo Moro formera' il primo governo di centro-sinistra della storia repubblicana italiana.

L'Italia degli anni '60: societa' e culturasocietà e cultura
Guido Piovene col suo "Viaggio in Italia" racconta alla perfezione come sia cambiato negli anni '50 e '60 un Paese sostanzialmente contadino, mutando costumi, tradizioni e mentalita' e come sia potuto avvenire un esodo biblico di milioni di persone dal sud al nord che ha fornito la mano d'opera essenziale per il decollo industriale.

Amore e furore amore e furore
[Edizione italiana del film Le Bruit et la fureur di Jean-Francois Delassus]

Sullo schermo non apparira' mai il giovane francese, l"uomo qualunque" che ci fa da guida in questo film; ne' conosceremo il volto di Marta, sua moglie; ne' vedremo mai Leon, il suo grande amico. La loro assenza ci coinvolge ancora di piu' nella vicenda e nel racconto agghiacciante dei quattro anni d'inferno vissuti dal narratore e dai suoi commilitoni nelle trincee dello sterminato fronte della Grande Guerra.

Maroccomarocco
Immagini, suoni, umori del grande Paese nord africano fissati dagli operatori del Luce negli anni '30.

Transatlanticitransatlantici
Trent'anni di storia, di costume di sogni ed emozioni che hanno avuto per protagonisti giganti come il mitico Rex, il Conte di Savoia, l'Andrea Doria, la Leonardo da Vinci e tante altre bellissime navi costruite nei cantieri italiani.
Un film prodotto dall'Azienda del Porto di Chioggia in occasione della manifestazione "Ottobre Blu" 2012.

Il tuo annoil tuo anno
Una collana di 21 documentari per raccontare in mezz'ora, anno dopo anno, la storia, la cultura, lo sport, lo spettacolo, la politica e quanto altro accaduto in Italia e nel mondo dal 1950 al 1970

REPORTAGES

La casa vuota: empty house
casa vuotaUna lunga soggettiva, straniata e inquietante, accompagna lo spettatore per le stanze vuote di un appartamento abbandonato: la macchina da presa 'si anima' ed escludendo qualunque presenza umana, diventa protagonista assoluta del racconto.

Cinegiornali Flash
i cinegiornaliCon la formula Cinegiornali Flash si identificano una decina di filmati girati per testimoniare momenti significativi della vita della citta' di Roma o, piu' semplicemente, dei ragazzi che formavano il gruppo storico della Flash Film Corporation, la casa di produzione virtuale che Leonardo Tiberi fondò assieme ad alcuni amici negli anni '70. Uno di questi momenti 'speciali' fu la notte delle vittoria dell'Italia al campionato mondiale di calcio del 1982 in Spagna: la Capitale impazzi' e l'occhio attento delle cineprese FCC registro' avvenimenti e persone.

Sardegna magica
sardegna magicaSei ragazzi alla scoperta della Sardegna ancora selvaggia e incontaminata dei primi anni '70. La Costa Smeralda e' appena nata e tutto intorno ci sono ancora solo natura, sole e mare. E’ il fascino di una terra che sembra magica, cosi' come rimarra' magico nei loro ricordi quel viaggio spensierato. Una metafora della giovinezza narrata senza compiacimenti, con un pizzico di nostalgia.

Calcio di periferia
calcio di periferiaUn'inchiesta durata tre mesi nella primavera del 1972 per scoprire il mondo sorprendente del calcio di periferia, in cui militano squadre agguerite di dilettanti, come quella del Morena, quartiere della periferia della Capitale. Oltre all'aspetto tecnico, a interessare e' l'umanita' che ruota attorno a queste squadre con una passione e una partecipazione alle loro gesta, che puo' perfino superare quella delle tifoserie piu' accese della serie A.

Gara di ballo: una serata in baleragara di ballo
Siamo negli anni Settanta. La troupe della FFC conduce per una TV privata un'inchiesta sull'universo del ballo liscio. Nei locali della provincia di Roma scopriamo che questa passione, cosi' radicata in Emilia Romagna, trova molti cultori anche nel Lazio.

I signorini della notte: un viaggio in America
gara di balloUn viaggio ragionato nell'America dei primi anni '80: l'impatto con New York e poi la scoperta della California, da San Francisco al Messico, attraverso i parchi naturali, la Valle della morte, l'incredibile Las Vegas, Hollywood con i suoi miti e gli inaspettati pescatori siciliani che vivono da generazioni nella piccola Monterey. Si rivelera' infine di valore esistenziale l'incontro con i signorini della notte, quegli inquietanti animaletti che popolano molte case americane e che hanno l'abitudine di uscire allo scoperto durante le ore notturne.

I PRIMI CORTI

Quarta dimensione
Quarta dimensioneSi tratta del primo cortometraggio, girato all'eta' di 18 anni. L'incomunicabilita' fra gli esseri umani era un tema di gran moda sul quale nessuno, e in particolare un giovanissimo filmaker, poteva a quei tempi evitare di cimentarsi. Massimo, il protagonista, stenta a rapportarsi con gli altri e mentre cerca una soluzione a questo problema, per sfuggire all'angoscia, si rifugia in una sua propria 'quarta dimensione'.

Quell'uomo che venne dal mare
uo mo che venne dal mareDopo la saga di James Bond, arrivano inevitabilmente sugli schermi italiani le imitazioni e i tarocchi: storie improbabili di 007 fatte in casa e con budget ridottissimi. Quell'uomo che venne dal mare e' la parodia del tarocco, il trionfo del luogo comune, confezionato pero' senza rinunciare a tutto l'apparato bondiano o sedicente tale: agenti segreti, sparatorie, rocamboleschi inseguimenti.

Il castello misterioso
il castello misteriosoTom Gaal, il protagonista del corto, e' costantemente alla ricerca della propria identita', vaga tra i boschi di una localita' non ben precisata, ossessionato da voci che lo tormentano e lo inseguono. Esausto, giunge finalmente in un castello abbandonato, dall'aspetto cupo e minaccioso, dove crede di poter trovare risposta ai suoi problemi esistenziali.

Janky
janckyJanky e' la storia tenera di un ragazzo appassionato di tennis, a cui la visione del film Rocky stravolge letteralmente la vita. Si immedesima a tal punto nel personaggio interpretato da Silvester Stallone da credere che il fine ultimo della sua esistenza sia quello di allenarsi forsennatamente e, per amore di una donna, battere un avversario immaginario in luoghi e circostanze anch'essi immaginari. Un don Chisciotte moderno che combatte contro i suoi mulini a vento, sostenuto dai suoi miti, perso nelle sue illusioni.